Sembra un paradosso, ma le ultime indagini statistiche lo confermano: gli italiani sognano un sorriso perfetto, denti bianchissimi ma sono poco inclini ad avere una corretta igiene orale e a sottoporsi a visite specialistiche. Curare denti e le gengive è un aspetto spesso sottovalutato, ma fondamentale per la salute in generale. Facciamo un po’ di chiarezza!

Un rapporto difficile

Secondo recenti studi condotti dall’Andi e dal Censis gli italiani hanno una relazione molto complessa con la cura del sorriso: il 33% delle persone pulisce i denti una volta al giorno, il 25% solo occasionalmente. Come è noto, anche se da quanto emerge non sembra esserlo più di tanto, per salvaguardare al meglio i denti è necessario spazzolarli almeno due volte al giorno per circa 2/3 minuti. La scelta del dentifricio e dello spazzolino sono dunque fondamentali per una pulizia quanto più completa possibile.

Dentista, questo sconosciuto

Ma la situazione diventa ancora più preoccupante se guardiamo all’82% delle persone che non si sottopongono a cure odontoiatriche, tra questi spiccano i millennials. Le cause ovviamente riguardano principalmente problemi di natura economica e una scarsa conoscenza dell’importanza della salute dei denti. Semplici problematiche infatti, come carie e paradontiti alla lunga possono portare ad infezioni e patologie correlate ben più gravi.

Rimedi casalinghi

Ma passiamo ora all’aspetto estetico. Non è raro sentire persone che per avere denti più bianchi utilizzano metodi fai-da-te, come aceto, bicarbonato o limone. Prodotti naturali che possono mettere a rischio lo smalto dei denti, perché altamente acidi e abrasivi. Per questo, sia per quanto riguarda la salute che la bellezza del sorriso bisogna sempre affidarsi a trattamenti specifici specifici, in grado di proteggere e accendere il sorriso.